LE MAFIE E L’AMIANTO GLI ATTI DEL CONVEGNO DI LICATA

Si è svolto nello scorso Febbraio a Licata un incontro organizzato dalla fondazione 3P Padre Pino Puglisi che ha raccolto l’appello del collettivo ControVento e del giovanissimo Dario Tardino.

Il collettivo e il suo portavoce Dario Tardino qualche mese fa si sono adoperati in un gesto di civiltà e armati di bicicletta hanno portato a termine una parte del censimento nel difficile quartiere Playa , laddove l’amministrazione comunale non si muoveva nel realizzare ciò che la legge impone.

Questo gesto ha RI portato alla ribalta situazioni già ben note alla comunità ed alla amministrazione come lo scandalo della spiaggia appunto del quartiere Playa , dove la sabbia bianca è contaminata da centinaia di lastre e cassoni di amianto sbriciolati che costituiscono un pericolo per la salute dei bagnanti e dei lavoratori del comparto turistico, oltre che per tutti gli abitanti.

Con il magistrale coordinamento di Nicoletta Casano quindi la fondazione 3P ha deciso di portare agli occhi di tutti questo grave degrado e la connessione che tante volte , sempre troppo spesso impera tra il mondo dei rifiuti e il nuovo business delle ECOMAFIE.

Quì la registrazione totale dell’incontro che ha visto il Sold Out in un sabato mattina gremito di ragazzi delle scuole in un teatro di Licata appassionato per gridare basta.

Ci scusiamo per la ricostruzione “Parziale audio e parziale video” frutto di un collage di più riprese amatoriali.

Precedente PROSEGUONO LE DISCUSSIONI DEGLI ESPERTI IN SENATO PER IL NUOVO TESTO UNICO AMIANTO Successivo LICATA: IL COORDINAMENTO NAZIONALE AMIANTO CHIEDE INTERVENTO PREFETTURA E MINISTERI