LICATA: IL COORDINAMENTO NAZIONALE AMIANTO CHIEDE INTERVENTO PREFETTURA E MINISTERI

A seguito dei rilevamenti in loco, il presidente del Coordinamento Nazionale Amianto Salvatore Nania , successivamente gli incontri avvenuti in Senato della Repubblica , ha provveduto a scrivere agli enti territoriali, alla Prefettura , alla Questura , all ASP, ai Ministeri, agli uffici generali e alle commissioni Crimini ambientali Lavoro e Ambiente.

La decisione presa immediatamente dopo i sopralluoghi presso la spiaggia dell’amianto nel quartiere “Playa” di Licata, che espone a rischi per la salute cittadini , turisti e lavoratori.

La giustizia deve immediatamente intervenire dove sembra che le istituzioni sanitarie di governo del territorio siano assenti. E’ urgente il confinamento e la bonifica oltre che l’accertamento delle responsabilità. Questa la sintesi dell’importante e dettagliata lettera del Presidente Nania agli enti.

In un caso analogo la denuncia ha portato a Massa Carrara all’immediato intervento dello Stato e alla risoluzione del problema.

I Carabinieri hanno provveduto al sequestro di una spiaggia dove risultavano giacenti 50 Quintali di Amianto e le autorità hanno dovuto provvedere all’immediata bonifica mentre sono in corso gli accertamenti di responsabilità

L’augurio del Coordinamento Nazionale Amianto è che anche in Sicilia come in toscana la legge metta fine a questo pericolo e accerti le responsabilità.

Di seuito la lettera integrale del Coordinamento Nazionale Amianto agli enti :

Precedente LE MAFIE E L'AMIANTO GLI ATTI DEL CONVEGNO DI LICATA Successivo REGIONE LOMBARDIA DELIBERA PER LA RIMOZIONE AMIANTO AI COMUNI