PROSEGUONO LE DISCUSSIONI DEGLI ESPERTI IN SENATO PER IL NUOVO TESTO UNICO AMIANTO

La Bozza del Testo Unico Amianto non convince. Fabrizio Protti Presidente dello Sportello Amianto Nazionale “Leggendolo sembra non ci sia la volontà politica di cambiare le cose”

Proseguono le discussioni degli esperti per fornire elementi utili ai parlamentari per formulare osservazioni e portare in Aula emendamenti che rendano questa “Bozza”, un testo  credibile e incisivo in materia.

Il testo non convince. Troppe le ombre e poca la sostanza che cambia e incide sui problemi veri” Queste le parole del Presidente del Coordinamento Nazionale Amianto Salvatore Nania che propone la completa riscrittura del Testo Unico Amianto indicendo una una commissione volontaria di saggi e tecnici che veda impegnato l’intero collegio di avvocatura del coordinamento insieme all’intero comparto sanitario previdenziale del coordinamento. Un Pull di Super Esperti ,messo a disposizione da subito e al fianco degli esperti ministeriali coinvolti nella catena dei controlli in materia di amianto, che coinvolga almeno 2 Membri per ogni associazione facente parte del Coordinamento Nazionale Amianto.

Gli fanno eco e appoggiano la linea il presidente dello Sportello Amianto Nazionale Fabrizio Protti che esprime perplessità nell’atto di affidare la redazione del testo che si sintetizza in un confuso copia e incolla di norme già esistenti agli studenti dell’università Bocconi di Mialno. Il Testo laddove “ritoccato” rispetto alle normative esistenti , sembra modifichi per peggiorare sotto ogni ambito dal sanitario all’ambientale al previdenziale , rendendo ancor meno efficaci e tutelanti i processi di garanzia per ambiente , salute e territorio.

“Leggendo il testo sembra non esista la volontà politica di incidere sul problema” La dichiarazione di Protti che prosegue evidenziando come le associazioni tutte , riunite nel Coordinamento Nazionale Amianto e nel comitato scientifico dello Sportello Nazionale Amianto devono venire in aiuto di un sistema Italia appare , con l’espressione di questo testo, evidentmente al collasso nella gestione del rischio amianto e continua attraverso queste operazioni a rimandare una soluzione che non riesce a trovare.

Un testo che se così concepito non è assolutamente determinante per il futuro e per la risoluzione pratica del probelma e non contribuisce a riportare equità e giustizia per i malati e tutela per i cittadini.

Fulvio Aurora in nome di Medicina Democratica e AIEA evidenzia puntualmente come sono già alcuni anni che se ne parla. L’esigenza di mettere insieme tutte le norme valide dalla legge 257 ad oggi, è un’esigenza evidente; ma è altrettanto evidente che si sarebbero dovuti risolvere anche alcuni problemi nodali che sono rimasti aperti, per questo le associazioni e i comitati impegnati nella lotta per la definitiva eliminazione dell’amianto, riconosciuti dallo Stato e riunite nel Coordinamento Nazionale Amianto avrebbero dovuto essere coincolte sin dall’inizio per tutti i temi (ambientali, sanitari, previdenziali e giuridici) connessi al Testo Unico . Fulvio Aurora prosegue sottolineando che nonostante la lunghezza del testo (144 pagine), alcuni aspetti essenziali di cui da sempre si parla e  riportati anche in proposte di legge già giacenti in parlamento (ES la numero 1645 del 2012), non sono ne emersi, né affrontati dal Testo Unico. Perché tante pagine se l’esigenza è quella di snellire e rendere chiaro ed efficace ? “le leggi dovrebbero essere lette e comprese da tutti, non solo dai giuristi, quindi devono essere scritte semplicemente, come la nostra Costituzione del 1948” Queste le parole di Fulvio Aurora di Medicina Democratica e AIEA che conclude dicendo che “oggi non è così: la gran parte delle leggi sono lunghe, complesse, barbose, a volte confondenti, a volte, come nel caso di cui parliamo, non rispondono alle domande più pregnanti”.

Tanti gli spunti tecnico legali depositati agli atti dagli intervenuti al tavolo che fanno affiorare le prime anomalie in quello che tutti , dai Ministeri , alle forze sociali al Coordinamento Nazionale Amianto , alle singole associaizoni concondano essere un testo totalmente da riscrivere.

ECCO UNA VIDEOSINTESI DELL’INCONTRO

 

Precedente AL SENATO CONTINUA IL LAVORO DEGLI ESPERTI VERSO IL T.U SULL' AMIANTO Successivo LE MAFIE E L'AMIANTO GLI ATTI DEL CONVEGNO DI LICATA